La scelta di questo variatale è nata dalla volontà di riscoprire una varietà autoctona, caratteristica della zona costiera del Tirreno, che nel Lazio ha visto un progressivo innalzamento del livello qualitativo grazie alla volontà di produttori che, come noi, hanno intuito le sue grandi potenzialità.
Il terreno di origine vulcanica, ricco di scheletro e di elementi minerali, conferisce al vino una spiccata mineralità e freschezza.
Il vino si presenta di un colore giallo paglierino con riflessi verdolini.
Al naso ha una buona intensità, con sentori che richiamano fiori bianchi e gialli fino agli agrumi.
Al palato risulta sapido e fresco, con una discreta struttura che lascia il finale leggermente amarognolo